Benvenuti !

BENVENUTI nel blog di SINISTRA e AMBIENTE.
Con questo blog, vogliamo aggiornare tutti sull'attività,
le proposte, le idee del gruppo.

Per la nostra storia e le passate iniziative,
puoi vedere anche sul nostro vecchio sito web.
Per chi volesse contattarci o inviarci materiale da pubblicare, cliccare QUI

La Meda e la Brianza che amiamo e che vogliamo tutelare

-------------------------------------------------

CRONACHE DA CHI SI IMPEGNA A CAMBIARE IL PAESE DEI CACHI E DEI PIDUISTI.
"Alcuni piagnucolano pietosamente, altri bestemmiano oscenamente,
ma nessuno o pochi si domandano: se avessi fatto anch’io il mio dovere,
se avessi cercato di far valere la mia volontà, sarebbe successo ciò che è successo?"
Antonio Gramsci-politico e filosofo (1891-1937)
OMAGGIO ALLA RESISTENZA.
Ciao Dario, Maestro, indimenticabile uomo, innovativo, mai banale e sempre in prima fila sulle questioni sociali e politiche.
Ora sei di nuovo con Franca e per sempre nei nostri cuori.

"In tutta la mia vita non ho mai scritto niente per divertire e basta.
Ho sempre cercato di mettere dentro i miei testi quella crepa capace di mandare in crisi le certezze, di mettere in forse le opinioni, di suscitare indignazione, di aprire un po' le teste.
Tutto il resto, la bellezza per la bellezza, non mi interessa."

(da Il mondo secondo Fo)

martedì 21 febbraio 2012

LE STAGIONI DEL PARCO: itinerari per IL PARCO REGIONALE

Il COMITATO PER IL PARCO REGIONALE DELLA BRUGHIERA, cui SINISTRA e AMBIENTE aderisce, è diventato una ASSOCIAZIONE.
Per il 2012, al fine di far conoscere il territorio della BRUGHIERA e anche le bellezze naturali della BRIANZA, riparte l'iniziativa LE STAGIONI DEL PARCO.
Le visite e le camminate saranno illustrate con un'ASSEMBLEA PUBBLICA di cui sotto.



Il programma con tutte le uscite organizzate 
dal COMITATO PER IL PARCO REGIONALE DELLA BRUGHIERA


Clicca sull'immagine per scaricare il programma

Clicca sull'immagine per scaricare il programma

lunedì 20 febbraio 2012

Grandi "manovre" attorno all'art 18



Ci risiamo.
Riprende a suonare la grancassa di coloro che vorrebbero abolire l'art.18 dello Statuto dei Lavoratori, articolo che, ricordiamolo, tutela i lavoratori dai LICENZIAMENTI ILLEGITTIMI E DISCRIMINATORI.
Questa volta però le sirene non provengono dai soliti di Confindustria o dal PdL bensì da alcuni dirigenti del PD.
WALTER VELTRONI in un'intervista a Repubblica (giornale di DE BENEDETTI che sponsorizza L'ABOLIZIONE di questa tutela CIVILE), auspica il "superamento del tabù art. 18".
A corollario, Veltroni ci mette un appoggio convinto all'operato del Governo Monti aggiungendo pure un "non regaliamo Monti alla destra". Dopo l'attacco all'art.18, la riflessione si sposta sull'operato del governo Monti che per Veltroni "ha fatto in tre mesi più di quanto abbiano fatto gli altri governi politici"
Subito, con lui, si schierano Fioroni e Letta mentre il responsabile PD del settore Economia e Lavoro STEFANO FASSINA critica in modo forte e deciso le affermazioni di Veltroni così come fa CESARE DAMIANO (ex sindacalista FIOM-CGIL).
C'è da rimanere stupefatti, per la scioltezza e noncuranza con cui Veltroni & C sorvolino completamente, dimostrando di vivere su un'altro pianeta, sulle drammatiche condizioni in cui vivono I LAVORATORI stretti nella morsa della crisi, con un'inarrestabile emorragia di posti di lavoro, costretti a vivere situazioni RICATTATORIE con la  DEMOCRAZIA che, spesso, si ferma FUORI DAI CANCELLI dell'azienda (vedi FIAT), oppure PRECARIZZATI a vita. 
Così si da carburante al leit motiv mistificatorio usato per giustificare l'abolizione d'una serie di diritti codificati per il lavoro nascondendo tutto dietro la parola "riforme".
Si vuole codificare la totale mercificazione del lavoro, privando il lavoratore anche dei dititti che gli consentono ancora un minimo di DIGNITA'.
E' pura mistificazione la contrapposizione tra colui che è precario e colui che è assunto a tempo indeterminato e ha il solo fine smantellare la rete dei diritti e del welfare.
Le risorse per conglobare la miriade di pseudocontratti precari in un unico contratto, non si devono trovare spremendo ancora una volta la parte debole del paese.
Ma il governo Monti pare aver scelto ancora la strada più facile ed iniqua.
Prova ne sono le proposte del Ministro FORNERO che vorrebbe altresì abolire la CIGS (pagata da imprese e lavoratori) a fronte di un generico SUSSIDIO di DISOCCUPAZIONE su cui, candidamente, si ammette non vi siano coperture finanziarie.
Lo scambio è indecente e improponibile così come improponibile è quello meno diritti ESSENZIALI per POCHE E AMBIGUE certezze occupazionali.
Pure i motivi per i quali i capitali stranieri non investono in Italia, non sono ne l'articolo 18 ne tantomeno i diritti, diversamente da quanto a più riprese affermato da Monti.
La verità è un'altra e si tace volutamente. 
LA CAUSA REALE DEI MANCATI INVESTIMENTI STRANIERI E' L'ALTO GRADO DI CORRUZIONE, INEFFICIENZA E CLIENTELISMO che caratterizza il nostro paese.
Si trovino lì le risorse per un nuovo welfare.


---------------------------------------------------

La risposta di Fassina a Veltroni

Stefano Fassina
19 febbraio 2012

Caro Walter,

ti scrivo dopo aver letto la tua intervista oggi a Repubblica, senza alcuno spirito polemico, soltanto nel tentativo di evitare valutazioni politiche fact free.

Primo, "La patrimoniale" esiste soltanto nel linguaggio dei media. Al Lingotto non fu proposta una imposta patrimoniale ordinaria universale (su tutte le famiglie) ad aliquota minima e finalizzata a ridurre l'indebitamento netto, come le imposte patrimoniali introdotte dal Governo Monti (circa 12 miliardi di euro all'anno permanenti). Al Lingotto fu proposta, seppur in termini generici, un'imposta patrimoniale straordinaria, ad aliquota elevata, sul famoso 10% più ricco delle famiglie italiane, finalizzata ad abbattere il debito pubblico di decine di punti percentuali di Pil (secondo le voci dei proponenti, circa 300 miliardi di euro one-shot). La corrispondenza tra quanto approvato dal Parlamento a Dicembre scorso e quanto proposto al Lingotto è come tra il giorno e la notte.

Perché il Lingotto viene, ancora una volta, presentato come precursore dell'intervento di Monti? L’attuale governo ha scartato l'ipotesi Lingotto e tante altre simili, non perché "troppo di sinistra", come ripeti spesso, ma perché oggi tecnicamente non fattibile e comunque se fosse fattibile, sarebbe drammaticamente depressiva fino ad annullare gli sperati benefici sul livello del debito pubblico. Non a caso, non esistono esempi nella storia economica di simili interventi. Se proprio vogliamo giocare a riconoscere corrispondenze, dovremmo dire che "la patrimoniale di Monti" è in sintonia con l'emendamento del Pd presentato alla manovra di Ferragosto.

Secondo, le imposte patrimoniali ordinarie universali introdotte dal Governo Monti e da te particolarmente apprezzate consistono sostanzialmente di Ici (ora denominata Imu). Dei circa 12 miliardi di euro all'anno raccolti dalle imposte patrimoniali ordinarie approvate dal Parlamento in Dicembre, oltre 11 derivano dall'Ici, ossia imposte sulla casa, su tutte le case (anche se la detrazione prevista lascia fuori quelle di minor valore, molte meno però di quelle escluse dalla deduzione decisa dal governo Prodi nel 2007). Il miliardo residuo è dovuto alle imposte sulle auto di lusso, imbarcazioni di lusso, aereomobili e depositi in conto titoli. Sicuro che un governo progressista non avrebbe potuto fare meglio?

In generale, caro Walter, per valutare il tasso di riformismo del Governo Monti, dovremmo ricordare che il Decreto "Salva Italia", oltre al brutale ed iniquo intervento sulle pensioni di anzianità, in particolare delle donne, ha introdotto maggiori imposte per circa 40 miliardi all'anno. Oltre all'Ici, si tratta di imposte sui consumi (Iva e accise), Tarsu ed addizionali regionali all'IRPEF, le quali, come noto, sono proporzionali, non progressive, sulle relative basi imponibili, quindi colpiscono in misura più consistente i redditi più bassi e medi. A Varese, all'assemblea nazionale di ottobre 2010, all’unanimità abbiamo votato le proposte della segreteria del Pd che, in quanto progressive (e progressiste), vanno in direzione opposta.

A proposito, di riforma della politica, caro Walter, obiettivo che da sempre ti sta a cuore come a tanti di noi, la prima regola per un dirigente nazionale sarebbe quella di affermare la posizione del partito di cui è parte. La posizione del Pd sul mercato del lavoro e sull'art.18 è diversa dalla tua, ovviamente legittima, ma minoritaria nel partito e più vicina, invece, alla linea del "pensiero unico" e alle proposte del centrodestra (è una constatazione, un fatto, non un'inaccettabile accusa di intelligenza con il nemico). In un partito serio, in un passaggio di fase così delicato, prima di dire la propria posizione, si dovrebbe ricordare la posizione del partito, sopratutto quando essa è stata votata dagli organismi dirigenti e confermata più volte, da ultimo nel Forum Lavoro del 12 gennaio scorso.

Infine, permettimi di notare una singolare conseguenza della tua valutazione del Governo Monti. Senza nulla togliere alla funzione positiva finora svolta dal Governo Monti, gli esempi da te ricordati soltanto in Italia sono considerati “riformisti”. In qualunque altro Paese civile, la lotta all’evasione, la ricostruzione di un decente servizio pubblico radiotelevisivo, l’applicazione senza distorsioni dell’Imu sugli immobili ad uso commerciale delle chiese, sono denominatore comune dell’arco costituzionale. Se il programma del Governo Monti è l'orizzonte di una forza progressista come il Pd, allora delle due l'una: o il PdL, che insieme a noi sostiene il governo Monti, è diventato un partito progressista, oppure la tua valutazione è sbagliata. Se fosse giusta, dovremmo essere conseguenti. Alle prossime elezioni il Pd dovrebbe presentarsi insieme al PdL, oltre che al Terzo Polo: una sorta di partito unico del pensiero unico. La fine della politica, non solo della democrazia dell’alternanza.

Un abbraccio, Stefano.

domenica 19 febbraio 2012

A proposito di elezioni amministrative


Dopo una serie d'incontri con il Direttivo del PD di Meda, Sinistra e Ambiente ritiene utile informare i propri simpatizzanti e la cittadinanza sullo stato della discussione in corso.
Eccovi il comunicato inoltrato alla stampa.

Meda 15/02/012

Elezioni amministrative a Meda:
il punto relativamente agli incontri 
di SINISTRA e AMBIENTE 
e alle possibilità d’un lavoro di coalizione

Sinistra e Ambiente ha al centro delle sue riflessioni e delle sue scelte l’obiettivo fondamentale di costruire una proposta di ALTERNATIVA alle amministrazioni di PdL e Lega Nord che hanno amministrato la nostra città in questi anni.

Alternativa che significa presentare all’elettorato, alle prossime elezioni amministrative, un programma fortemente caratterizzato da decise politiche ambientali di tutela del territorio e degli ultimi residui spazi verdi, da un deciso stop al consumo indiscriminato di suolo esercitato a mezzo di una edificazione aggressiva e indotta.
Un programma  che contenga elementi etici e di legalità di cui l’intera Brianza ha fortemente bisogno, viste le recenti inchieste su malaffare e malapolitica che hanno portato all’incriminazione di Ponzoni, Brambilla &C e le infiltrazioni della ‘ndrangheta, nonché proposte su un welfare locale e un’attenzione al lavoro, alla cultura e all’accoglienza dei migranti.
In sintesi dobbiamo proporre soluzioni che fermino la devastazione del territorio e del tessuto sociale e coordinarci anche per una gestione sovraccomunale di queste tematiche.

Per questo, pur non condividendo tutt’ora il metodo scelto dal PD nell’identificazione del candidato Sindaco, abbiamo deciso responsabilmente di proseguire il confronto con il PD, per non lasciare nulla di intentato, per cercare una strada che consenta di costruire un’opportunità di cambiamento in senso progressista anche a Meda.
La partita è indubbiamente difficile e delicata, sin dalle premesse, costituite dalla necessità di creazione d’una coalizione o alleanza che dir si voglia che deve trovare elementi forti di condivisione e aggregazione.
Per avere l’opportunità di vincere, non ci si possono permettere analisi e proposte improvvisate, timide o addirittura rispondenti a sole logiche partito centriche.
Occorrono invece coraggio, coerenza e chiarezza in quel che si dice e si propone anche al fine di recuperare quella fetta di elettorato che, pur esprimendo istanze di sinistra e progressiste, è sfiduciato  e/o critico rispetto ad una politica lontana dalle sue reali esigenze.

Con il PD,  Sinistra e Ambiente sta portando avanti un confronto in modo trasparente caratterizzato anche da asprezza e franchezza nel dibattito, chiedendo di creare le condizioni per un percorso comune.
Sinistra e Ambiente ha posto la necessità di superare l’empasse conseguente al metodo di scelta unilaterale del candidato Sindaco e ha messo sul tavolo, con franchezza, una serie di proposte di lavoro congiunto da attuare con pari dignità, sui contenuti del programma, sul metodo di lavoro, sul dialogo con altri soggetti , sul ruolo di garanzia del candidato Sindaco.

La condivisione di queste proposte sarà evidentemente elemento determinante per le scelte di Sinistra e Ambiente che intende essere soggetto propositivo nelle politiche di tutela ambientale e sociali attuate sul territorio.

Sinistra e Ambiente

venerdì 10 febbraio 2012

SALVIAMO IL MANIFESTO !

Dopo LIBERAZIONE, la stampa italiana rischia di perdere un'altro giornale.
IL MANIFESTO, un GIORNALE STORICO, che è stato testimone di molte fasi storiche, che è stato stimolo per confronti e dibattiti di TUTTA LA SINISTRA, che ha formato la coscenza politica di moltissimi di noi, E' A RISCHIO CHIUSURA. 
La causa è il mancato rinnovo dei contributi pubblici all'editoria.
Una scelta del fu governo Berlusconi che l'attuale governo Monti non ha cambiato, proseguendo NEL SEGNO DELLA CONTINUITA' d'una politica che VUOLE AMMAZZARE LA LIBERA INFORMAZIONE fatta da tutti quei giornali INDIPENDENTI dai GRANDI EDITORI, in primis IL MANIFESTO, gestito da UNA COOPERATIVA.
Il MANIFESTO non è un giornale "finto". E' un quotidiano che vende su tutto il territorio nazionale ma che non ha mai fatto della PUBBLICITA' una sua forma d'introito fisso. 
Un giornale sicuramente DI SINISTRA ma INDIPENDENTE da poteri forti e partiti.

Noi non possiamo permettere che LA SINISTRA perda una così autorevole voce.

Pertanto facciamo nostro l'appello della redazione che chiede a tutti noi che ci sentiamo vicini o che condividiamo le acute analisi e la quotidiana E MAI BANALE informazione de IL MANIFESTO, di ACQUISTARLO OGNI GIORNO. 
Lo acquisti anche chi lo faceva saltuariamente, lo acquisti anche chi si arrabbiava per i suoi articoli "partigiani" PERCHE' QUESTA VOCE LIBERA NON PUO' e NON DEVE MORIRE.

La prima pagina di ieri 9/02/012. CLICCA E VAI AL SITO DE IL MANIFESTO

L'editoriale del 9/02/012
Senza fine

Siamo alla prova cruciale, al corpo a corpo con la nostra stessa vita materiale e politica. 
Il Manifesto andrà in liquidazione coatta amministrativa. Verranno funzionari di governo, che si sostituiranno al nostro consiglio di amministrazione. È una procedura cui siamo stati costretti dai tagli alla legge dell'editoria. 
Noi, come altre cento testate, nazionali e locali, non potremo chiudere il bilancio del 2011. Mario Monti e il ministro Passera potrebbero riuscire dove Berlusconi e Tremonti hanno fallito.  
Usiamo il condizionale perché non abbandoniamo il campo di battaglia e siamo ancora più determinati a combattere contro le leggi di un mercato che della libertà d'informazione farebbe volentieri un grande falò. 
La fine del manifesto sarebbe la vittoria senza prigionieri di un sistema che considera la libertà di stampa non un diritto costituzionale ma una concessione per un popolo di sudditi. La fisionomia della nostra testata, il suo carattere di editore puro, il nostro essere una cooperativa di giornalisti, hanno sempre costituito una felice anomalia, un'eresia, la testimonianza in carne e ossa che il mercato non è il monarca assoluto e le sue leggi non sono le nostre. 
Il compito che ci assumiamo e a cui vi chiediamo di partecipare è tutto politico. I tagli ai finanziamenti per l'editoria cooperativa e politica non sono misurabili «solo» in euro, in bilanci in rosso, in disoccupazione. 
Naturalmente, se avessimo la testa di un Marchionne sapremmo cosa fare per far quadrare i bilanci. Così come un vero mercato della pubblicità ci aiuterebbe a far quadrare i conti, e un aumento dei lettori nel nostro paese ci farebbe vivere in una buona democrazia. 
Ma è altrettanto evidente che le nostre difficoltà sono lo specchio della profonda crisi della politica, l'effetto di quella controrivoluzione che ha coltivato i semi dell'antipolitica, del «sono tutti uguali» fino a una sorta di pulizia etnica delle idee e dell'informazione. 
Care lettrici e cari lettori, siamo chiamati, noi e voi, a una sfida difficile e avvincente. Dovremo superare nemici visibili e trappole insidiose. 
Sappiamo come replicare alle politiche di questo governo, ma siamo profeti disarmati contro il successo del populismo, che urla contro il potere assumendone modi e fattezze. 
State con noi, comprateci tutti i giorni, abbiamo bisogno di ognuno di voi. Adesso che tutti hanno imparato lo slogan dei beni comuni, lasciateci la presunzione di avere rappresentato una delle sue radici, antica e disinteressata. Ed è per questo che nell'origine della nostra storia crediamo di vedere ancora una vita futura. 

mercoledì 8 febbraio 2012

PTCP Provinciale: prosegue il lavoro de l'OSSERVATORIO

Continua l'impegno dei gruppi e delle associazioni de l'OSSERVATORIO PTCP.
Sono cominciati i lavori della delegazione "tecnica" per stilare LE OSSERVAZIONI sul PTCP da inoltrare alla Provincia di MB.
LUNEDI' 13/02 l'OSSERVATORIO parteciperà ad un'ASSEMBLEA PUBBLICA sul tema del CONSUMO DI SUOLO a CARATE BRIANZA. Tra i relatori invitati, il nostro portavoce PAOLO CONTE.

lunedì 6 febbraio 2012

PER UNA MOBILITA' DIFFERENTE

Oggi, lunedì 6/02/012, un nutrito di persone aderenti ad una serie di associazioni e gruppi ambientalisti ha manifestato CONTRO l'INFINITA SERIE DI INUTILI e DEVASTANTI AUTOSTRADE previste nel programma del Governo e della Regione Lombardia.

Autostrade, autostrade,autostrade, solo questo sanno proporre !!
La presenza del Ministro CORRADO PASSERA ad un'assemblea di ASSOLOMBARDA, per sponsorizzare le stesse, è stata accolta da una vivace presenza e da un volantinaggio da parte di chi VUOLE UN DIFFERENTE SISTEMA DI SVILUPPO E DI MOBILITA'.
Come previsto, il Ministro, degno dell'ITAGLIETTA delle LOBBY dei POTERI FORTI è entrato da un'ingresso secondario, evitando qualsivoglia confronto.
Al presidio c'erano anche SINISTRA E AMBIENTE, INSIEME IN RETE PER UNO SVILUPPO SOSTENIBILE e il COMITATO PER IL PARCO REGIONALE DELLA BRUGHIERA.
Noi continueremo a chiedere che NON SI BUTTINO SOLDI PUBBLICI per costruire autostrade.
Molto combattivi i lavoratori degli ex treni notte, che contestavano le politiche di TrenItalia che li ha licenziati sopprimendo il servizio dei treni notturni. Si facevano sentire e solidarizzavano con i loro colleghi che da più di 50 GIORNI stazionano per protesta sulla torre faro della stazione centrale.
Eccovi le foto del presidio.




Uno degli striscioni di SINISTRA e AMBIENTE




Fabrizio Gatti, Cons. Prov. di Milano di Per un'ALTRE PROVINCIA PRC-PdCI
Domenico Finiguerra, Sindaco di Cassinetta di Lugagnano, comune con un PGT a CONSUMO DEL SUOLO ZERO
I lavoratori dei treni notte LICENZIATI da TRENITALIA
 -----------------------------------------------------

Il volantino
DICIAMO NO AI NUOVI PROGETTI DI GRANDE VIABILITA' NEI CAMPI DELLA LOMBARDIA,
PER UNA IDEA DIVERSA DI MOBILITA'

Caro Ministro Passera, cari Presidenti di Regione e Provincia, se non ve ne foste accorti, vogliamo cortesemente farvi notare che il disco delle autostrade lombarde si è rotto e ripete sempre lo stesso vecchio ritornello. E' ora di cambiare il disco prima che faccia altri danni. Anche perché - sotto sotto - non ci credete più neanche voi che per il rilancio dell'economia lombarda bisogna costruire autostrade in ogni angolo libero della nostra regione. E' anche per questo che non funziona il project financing, perchè il futuro non porterà l'aumento di traffico su cui facevate tanto affidamento, ma domanderà nuovi servizi per l'accesso alla mobilità. E se non aumenterà il traffico, non ci saranno abbastanza automobilisti da spennare per pagare le infrastrutture.
Le priorità sono altre, gli investimenti devono servire a recuperare il grave ritardo della Lombardia sulla mobilità collettiva. Ma se proprio non sapeste cosa fare dei miliardi impegnati dalle banche per finanziare i cantieri autostradali... beh, vi facciamo presente che ci sono migliaia di piccole e medie imprese in difficoltà per mancanza di liquidità.

L'ECONOMIA LOMBARDA E' MALATA E NON SARANNO LE NUOVE AUTOSTRADE A CURARLA: LA RICETTA E' SBAGLIATA, IL FARMACO E' SCADUTO!

I nuovi progetti di autostrade e altre grandi arterie regionali, grande feticcio dell'ultimo ventennio di politica lombarda, formano un nastro di asfalto lungo 650 km, a cui se ne aggiungono altrettanti di viabilità complementari. I costi solo per BreBeMi, TEEM, Pedemontana, hanno già raggiunto i 10 miliardi di euro considerando IVA e oneri finanziari, e finora chi sta pagando sono solo fondi pubblici: niente male, per quelle che avrebbero dovuto essere le prime autostrade finanziate dai privati!
Dove oggi ci sono i campi dell'agricoltura più produttiva d'Italia si snoderanno strisce di deserto d'asfalto per quasi 10.000 ettari, ed almeno il doppio sarà la campagna devastata da cave e cantieri, ma anche da capannoni, lottizzazioni, logistiche, centri commerciali che sorgeranno a ridosso di ogni svincolo. Decine di migliaia di ettari di campi devastati, persi per sempre, per inseguire il mito della continua crescita del traffico, invece di quello della mobilità efficiente. La sola BreBeMi è progettata per iniettare nel traffico di Milano 70.000 veicoli al giorno in più. A che pro? per imbottigliarli meglio?

Per la mobilità servono altre infrastrutture, altri servizi: quelli del trasporto collettivo, che non consuma suolo, non alimenta lo smog nè la congestione da traffico. Ma per questo serve una politica meno compiacente verso le lobby, meno  complice delle ecomafie, meno subalterna agli interessi di collegio elettorale.
FERMIAMO LA LOBBY DELLE AUTOSTRADE, 
PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI!

Adesioni:
Altreconomia, Associazione Parco Sud, ASTROV Gorgonzola
Cambiamo Abbiategrasso-Le coccinelle, Cascina Isola Maria
CIA Confederazione Italiana Agricoltori MI-LO,
Circoli Legambiente di Franciacorta, Seveso e Cantù, 
Comitati Cives Seveso, Cesano M., Bovisio, Desio, 
Comitato Cremonese-Cremasco-Casalasco Salviamo il Paesaggio
Comitato Legnanese e Aresino Salviamo il Paesaggio
Comitato NO tangenziale Albairate,  
Comitato per il Parco Regionale della Brughiera,   
Coordinamento Comitati e Associazioni contro l'autostrada Broni – Mortara, 
Coordinamento nazionale Salviamo il Paesaggio
Coordinamento Interprovinciale per la Mobilità Sostenibile MI-BG, Coordinamento NO TEM,  
Coordinamento prov. Legambiente Bergamo, Brescia e Pavia, 
Coordinamento Comitati Ambientalisti Lombardia
Coordinamento Comitati contro le Autostrade CR-MN e TIBRE
Coordinamento Nord Sud del Mondo, Eco-alba Albairate
Ecologisti Democratici della Lombardia, European Green Party, 
Ferma la Banca!, Genitori Anti Smog
Insieme in Rete per lo Sviluppo Sostenibile, Italia Nostra Milano Sud-Est
Legambiente Lombardia, LUCI Cremona, Presidio Permanente No TEM
Rete Civica Italiana, Sinistra e Ambiente di Meda, Slow Food Lombardia

venerdì 3 febbraio 2012

Lunedì 6/02 Presidio contro le AUTOSTRADE inutili



BREBEMI, BRONI-MORTARA, CREMONA-MANTOVA, 
IPB BERGAMO-TREVIGLIO-CREMA, PEDEMONTANA
RACCORDO VALTROMPIA, RHO-MONZA, TEEM, TIBRE, TOEM, 
VARESE-COMO-LECCO, 
VARIANTE DEL SEMPIONE, VIGEVANO-MALPENSA...

QUANDO BASTA? 
FERMIAMO I SIGNORI DELLE AUTOSTRADE, 
PRIMA CHE ASFALTINO ANCHE NOI!

PRESIDIO!
CONTRO I NUOVI PROGETTI AUTOSTRADALI 
NEI CAMPI DELLA LOMBARDIA

PER UNA IDEA DIVERSA DI MOBILITA'
LUNEDI' 6 FEBBRAIO 
PALAZZO ASSOLOMBARDA, 
VIA PANTANO 6 MILANO ore 10.00 in punto
Il prossimo lunedì 6 febbraio si riunisce la 10a Mobility Conference: il gotha delle associazioni imprenditoriali lombarde che, sempre più povere di idee di futuro (e i dati sul perdurante declino economico della Lombardia sono lì a dimostrarlo), non fanno altro che far girare il disco rotto della cantilena autostradale.
Guest stars del convegno di apertura saranno alcuni protagonisti dello scacco matto autostradale lombardo: Giuliano Asperti di Assolombarda, Franco Bassanini, Presidente Cassa Depositi e Prestiti, Guido Podestà, Roberto Formigoni e, dulcis in fundo, il ministro-banchiere-grande sponsor di Brebemi e Pedemontana: Corrado Passera
 
Vogliamo dar loro il benvenuto.
e dire loro che se pensano che le nuove autostrade siano così essenziali per curare l'economia lombarda malata...

...No grazie, la ricetta è sbagliata, il farmaco è scaduto!

Ormai non ci credono più nemmeno loro (http://www.ilsole24ore.com/art/economia/2012-01-29/expo-autostrade-senza-fondi-081210_PRN.shtml), ma se lo dicono a bassa voce, certi che invece la stampa compiacente gonfierà le trombe per imbonire gli elettori-automobilisti.

Le nuove autostrade regionali, il grande feticcio dell'ultimo ventennio di politica lombarda, se realizzate tutte formerebbero un nastro lungo 800 km di doppia carreggiata a doppia o tripla corsia, a cui si aggiungono altrettanti chilometri di viabilità complementari. I costi solo per BreBeMi, TEEM, Pedemontana, hanno già superato i 10 miliardi di euro, e finora chi sta pagando sono solo i contribuenti, attraverso il debito pubblico: niente male, per quelle che avrebbero dovuto essere le prime autostrade finanziate dai privati!
Dove oggi ci sono i campi dell'agricoltura più fertile d'Italia si snoderà un deserto d'asfalto di oltre 10,000 ettari, ed almeno il doppio sarà la campagna devastata dalle cave, dai cantieri, dai capannoni, dalle lottizzazioni, dalle logistiche, dai centri commerciali che sorgeranno a ridosso di ogni svincolo.
Decine di migliaia di ettari di campi devastati, persi per sempre, per inseguire il mito della continua crescita del traffico privato e commerciale. La sola BreBeMi inietterà nel traffico di Milano una botta di 70.000 veicoli al giorno. A che pro? per imbottigliarli nel traffico del capoluogo?

Noi crediamo che per la mobilità servono altre infrastrutture, altri servizi: quelli del trasporto collettiva, che non consuma suolo, non alimenta lo smog nè la congestione da traffico. Ma per questo serve una politica meno compiacente verso le lobby, meno omertosa e complice delle ecomafie, meno succube degli interessi di collegio elettorale.

FERMIAMO LA LOBBY DELLE AUTOSTRADE LOMBARDE, 
PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI!

Aderiscono:

Legambiente Lombardia, Associazione Parco Sud,  
Coordinamenti provinciali Legambiente Bergamo e Pavia, 
Circoli Legambiente di Seveso e Cantù,  
Coordinamento Comitati Ambientalisti Lombardia,  ASTROV Gorgonzola, 
Coordinamento Comitati contro le Autostrade CR-MN e TIBRE, 
Genitori Anti Smog, Coordinamento Nord Sud del Mondo, Italia Nostra Milano Sud-Est, Coordinamento nazionale Salviamo il Paesaggio, Ferma la Banca!, Altreconomia, Ecologisti Democratici della Lombardia, Coordinamento NO TEM
SINISTRA E AMBIENTE Meda, 
INSIEME IN RETE PER UNO SVILUPPO SOSTENIBILE, 
COMITATO PER IL PARCO REGIONALE DELLA BRUGHIERA

La MONOTONIA del POSTO FISSO e ALTRO


Fino a quando, fino a quando dovremo SOPPORTARE le IRRISPETTOSE AFFERMAZIONI e L'OPERATIVITA' SENZA ALCUNA CONDIVISIONE di chi governa questo povero paese ? 
Dopo aver calato un pietoso velo (per ora) sul mortifero governo del megalomane imperatore d'arcore, ora dobbiamo subire un governo che E' DIRETTA EMANAZIONE DEI POTERI FORTI (BANCHE in primis), UN GOVERNO A FORTE VOCAZIONE NEOLIBERISTA, supportato da un arco di forze politiche che va dal PdL al PD, passando per CDU e FLI.
Il tutto nel nome del RIGORE e della CRISI ECONOMICA che ha investito il paese.
Orbene, sia chiaro, abbiamo ben presente la situazione e siamo convinti che è più che mai necessario intervenire per salvare il paese dalla catastofe.
E' PERO' INACCETTABILE che il rigore e i sacrifici, siano per l'ennesima volta A SENSO UNICO, cioè caricati sulle spalle dei lavoratori e dei pensionati, con il resto degli interventi che risultano essere pannicelli caldi.
Abbiamo SUBITO l'ennesimo innalzamento dell'età pensionabile, il blocco dell'adeguamento al costo della vita per le pensioni (con una soglia d'esenzione insufficente) e ora, RITORNA IL LEIT MOTIV dell'ATTACCO AI DIRITTI DEI LAVORATORI e all'art. 18.
Il tutto con un contorno di battute e affermazioni a dir poco IRRITANTI, fatte da MONTI, MARTONE e dalla FORNERO cioè da chi I PROBLEMI ECONOMICI NON LI HA MAI CONOSCIUTI.

"Il posto fisso è monotono", " chi a 28 anni non si è ancora laureato è uno sfigato", "se c'è l'accordo bene , ma noi andremo avanti", "l'art. 18 non può essere un tabù" è solo una breve illustrazione di alcune perle del governo dei TECNOCRATI di MONTI.

Orbene, ministri che DECIDERANNO di come sarà la futura esistenza di milioni di persone, IRRIDONO queste persone.

Perchè sostenere (in modo velato per carità) che l'articolo 18 e i diritti dei lavoratori "non sono più sostenibili" è irridere i lavoratori. E' MISTIFICARE una realtà fatta da cassa integrazione, mobilità e chiusure aziendali e SCARICARLA sui lavoratori, ritenendoli RESPONSABILI, a causa dei diritti faticosamente conquistati, della situazione di grave crisi. 
Si MISTIFICA affermando che si vuole ridurre il precariato e presentando come unica soluzione l'eliminazione dei diritti con una proposta di "contratto d'ingresso" in cui, per tre anni, i lavoratori non avranno l'art. 18 e saranno per questo TOTALMENTE RICATTABILI e PRIVATI DI QUALSIASI DIGNITA'.
Che fa il PD, partito che era all'opposizione del Governo Berlusconi e che ora appoggia Monti ? 
Accetta questo gioco al massacro o intende farsi sentire, PESARE e mettere finalmente dei paletti INVALICABILI ? 
Riteniamo sia NECESSARIO fermare queste dannose fughe in avanti nel nome del neoliberismo prima che sia troppo tardi.


--------------------------------------------------------------------------

Dal Blog de "Il popolo viola" alcune interessanti riflessioni

Quant’è monotona la figlia della Fornero: ha più di un posto fisso


Quando si tratta di pontificare, questi “tecnici” del governo, non si tirano mai indietro: dispensano predicozzi a destra e a manca, lanciano affondi a reti unificate perché tanto loro non sono mica politici, stanno lì per “salvare” il Paese dalla crisi che i loro sponsor hanno creato. 
Sì ok ma da questi tecnici e dalla loro arroganza chi ci salva? Chi ci salva da quel tal Michel Martone, superaccomandato viceministro al welfare, amico di Brunetta, Dell’Utri e Previsti, ormai celebre per la sua indegna uscita sugli sfigati che in qualsiasi altro Paese avrebbe comportato immediate dimissioni. 
Chi ci salva da Monti che ieri a Matrix ci ha regalato un’altra preziosissima indicazione esistenziale: “Il lavoro fisso? Che monotonia” ha detto il senatore a vita.
E poi però, se vai a guardare bene, questi “tecnici” del governo al posto fisso ci tengono eccome. E mica solo per loro ma anche per i loro figli. 
Vedi per esempio Elsa Fornero, ministro del lavoro: sua figlia, Silvia Deaglio, di anni 32, è ricercatrice in genetica medica, professore associato alla facoltà di Medicina dell’Università di Torino, il medesimo ateneo in cui insegnano, ad Economia, i suoi illustri genitori, mamma Elsa e papà Mario Deaglio. Un conflitto di interessi grande come una casa. 
Ma non è finita: la figlia della Fornero è anche responsabile unità di ricerca, ruolo assegnatole dalla HuGeF, fondazione che ha come mission la ricerca di eccellenza e la formazione avanzata nel campo della genetica, genomica e proteomica umana.
La HuGeF è un’istituzione creata e finanziata dalla Compagnia di San Paolo, ente del quale la Fornero è stata vicepresidente dal 2008 al 2010 e per conto della quale è stata designata alla vicepresidenza della banca Intesa, carica lasciata solo dopo aver ricevuto la nomina ministeriale. Un altro conflitto di interessi grande come una casa.
Povera ragazza: chissà quanto si annoia.

giovedì 2 febbraio 2012

Omaggio a SCALFARO

Lo scriviamo con un poco di ritardo, ma il nostro rispetto per questa figura che ha attraversato le fasi FONDATIVE della DEMOCRAZIA nel nostro Paese è grande.
OSCAR LUIGI SCALFARO è stato uno dei padri della COSTITUZIONE avendo fatto parte dell'ASSEMBLEA COSTITUENTE sal 1946 al 1948.
Un uomo che credeva fortemente nello Stato e nella Democrazia. La sua appartenenza ad un partito politico (la DC) per cui non abbiamo mai simpatizzato, non può esimerci dal ricordarlo per la SUA STATURA POLITICA, così differente e ALTA rispetto a quella di altri politici a noi contemporanei.
Ricordiamo con piacere ed anche commozione la sua battaglia PER LA DIFESA DELLA COSTITUZIONE, quella COSTITUZIONE NATA DALLA RESISTENZA cui lui stesso aveva contribuito alla stesura.
Una battaglia che anche noi, cittadini di Sinistra, abbiamo condiviso, presenziando alle manifestazioni ove lui rappresentava il Comitato per la DIFESA della COSTITUZIONE.
Lo ricordiamo anche come un ottimo presidente della Repubblica, che stoppò più volte le leggi ad-personam del solito Berlusconi, la nomina del plurinquisito (poi condannato) Previti al ministero della Giustizia nonchè i tentativi di aggirare o modificare la Costituzione.


Ci piace ricordare SCALFARO con due foto: una alla grandissima MANIFESTAZIONE PACIFISTA a ROMA nel 2003 contro la GUERRA IN IRAQ (3 milioni in piazza), insieme ad INGRAO e l'altra insieme ad altri due grandi uomini : il COMANDANTE PARTIGIANO CINO MOSCATELLI e SANDRO PERTINI.

Cino Moscatelli a sinistra, Sandro Pertini a destra, Oscar Luigi Scalfaro al centro
una foto dall'archivio di Nadia Moscatelli li ritrae a Domodossola nel 1981, poco tempo prima della morte di Cino
.
Uomini, persone  che HANNO DATO ALL'ITALIA LA COSTITUZIONE NATA DALLA RESISTENZA. Chi ora è alla loro altezza ?