Benvenuti !

BENVENUTI nel blog di SINISTRA e AMBIENTE.
Con questo blog, vogliamo aggiornare tutti sull'attività,
le proposte, le idee del gruppo.

Per la nostra storia e le passate iniziative,
puoi vedere anche sul nostro vecchio sito web.
Per chi volesse contattarci o inviarci materiale da pubblicare, cliccare QUI

La Meda e la Brianza che amiamo e che vogliamo tutelare

-------------------------------------------------

CRONACHE DA CHI SI IMPEGNA A CAMBIARE IL PAESE DEI CACHI E DEI PIDUISTI.
"Alcuni piagnucolano pietosamente, altri bestemmiano oscenamente,
ma nessuno o pochi si domandano: se avessi fatto anch’io il mio dovere,
se avessi cercato di far valere la mia volontà, sarebbe successo ciò che è successo?"
Antonio Gramsci-politico e filosofo (1891-1937)
OMAGGIO ALLA RESISTENZA.
Ciao Dario, Maestro, indimenticabile uomo, innovativo, mai banale e sempre in prima fila sulle questioni sociali e politiche.
Ora sei di nuovo con Franca e per sempre nei nostri cuori.

"In tutta la mia vita non ho mai scritto niente per divertire e basta.
Ho sempre cercato di mettere dentro i miei testi quella crepa capace di mandare in crisi le certezze, di mettere in forse le opinioni, di suscitare indignazione, di aprire un po' le teste.
Tutto il resto, la bellezza per la bellezza, non mi interessa."

(da Il mondo secondo Fo)

martedì 31 marzo 2015

A MEDA SI CONTINUA A CONSUMARE SUOLO

L'AC4 di via Piave
Avevamo trattato l'argomento sul nostro blog qui e relazionato sulla risposta alla nostra interrogazione.
L'iter del Piano attuativo per l'ambito di trasformazione AC4 di via Piave è ora arrivato all'ADOZIONE.
Con delibera di Giunta, n° 63 del 25-03-015, la proposta progettuale avanzata dalla proprietà è stata adottata.
A Meda dunque, SI CONTINUA INGIUSTIFICATAMENTE A CONSUMARE SUOLO. 
Su una delle ultime aree verdi è infatti prevista l'edificazione di TRE EDIFICI AD USO PRODUTTIVO e CAPANNONI su più livelli.
Eppure, le strutture simili VUOTE sono molte a Meda (innumerevoli cartelli vendesi/affittasi) e non vi è alcuna necessità di averne altre.
Certo, sull'AC4 i proprietari dovranno cedere delle superfici e farsi carico di realizzare parcheggi, aree a standard nonchè una zona di "Orti urbani" (una posizione poco felice, accanto ad una zona produttiva).
Secondo il testo della convenzione (da stipulare entro un anno, pena la decadenza del piano attuativo), la proprietà ha la facolta di realizzare gli edifici entro 10 anni dalla firma della stessa, anche per lotti funzionali in fasi temporali diverse mentre dovrà realizzare le opere di urbanizzazione entro tre anni.
Per Meda, il risultato è solo che si perderà un altro pezzo di suolo libero in un territorio dove ormai le aree inedificate si contano sulle dita di una mano.
Ecco dunque il primo frutto avvelenato di un PGT approvato dal PD senza lo stralcio degli Ambiti di Trasformazione.
La scelta attuata nel 2012 dalla giunta di Caimi espone al rischio che, qualora la proprietà chieda l'avvio, le previsioni edificatorie degli ATR si possano concretizzare.
Con l'AC4 questo è avvenuto.
E' altresì grave che nonostante le ripetute richieste fatte da più Consiglieri Comunali, dal gruppo di Sinistra e Ambiente e dal nostro Consigliere A.Colombo, in veste di Presidente della Commissione Territorio e Ambiente, nè il Sindaco Caimi nè l'Assessore Buraschi abbiano ritenuto opportuno dare una corretta  informazione relativamente agli iter sugli Ambiti di Trasformazione.
Se Meda perde un altro pezzo di area ancora libera, uno degli ultimi prati nella giungla di cemento e asfalto che ci circonda , lo dobbiamo anche alle scelte di questa amministrazione tutta targata PD, che non ha avuto il coraggio di approvare un PGT senza gli ATR, specie quelli sulle superfici verdi e libere.

Intanto, su quali comparti e in che modo la VARIANTE GENERALE AL PGT intenda agire, a distanza di mesi, ancora non è dato sapere.

Ci sarebbe ancora la possibilità, ma bisogna avere per l'appunto, coraggio, di cambiare orientamento, magari sfruttando la fase di osservazioni, per non arrivare alla proposta fatta per l'AC4.
C'è invece l'obbligo morale, in coerenza con il programma elettorale, di adottare quanto prima la variante al PGT con l'eliminazione di tutti gli altri ATR.

I numeri dell'AC4
Sotto, per saperne di più, il verbale di deliberazione con la documentazione tecnica allegata.



venerdì 20 marzo 2015

GRANDI OPERE = GRANDI "AFFARI"


Un'indagine della Magistratura con tanto di "arresti illustri" sta confermando l'esistenza del verminaio che ruota intorno alla realizzazione delle cosidette "Grandi Opere".
Ormai l'elenco dei casi di corruzione, malaffare, appalti pilotati etc. si fa sempre più lungo: Mose, Expo, Tav, infrastrutture autostradali e avanti di questo passo.
Così, un fiume di denaro scorre in continuazione, gestito da una "cupola" che ha fatto del dogma delle infrastrutture "strategiche" la ragione di un sistema che si autoalimenta nell'illegalità diffusa.
Ora è toccato ad alcuni fedelissimi dell' ex Ministro LUPI, la cui responsabilità, per ora POLITICA e disinvolta, appare evidente anche nei contenuti delle intercettazioni.
Si tratta di personaggi di grosso calibro: Incalza, uomo che nei meandri del Ministero delle Infrastrutture e nelle annesse commissioni incarna da anni il ruolo di un "insostituibile" o meglio, di un irremovibile, il suo stretto collaboratore Pacella, l' imprenditore Perotti e il manager Cavallo.
Ritorna anche il nome di Acerbo, collegato a illegalità in ambito Expo.
Tutti con collegamenti diretti - risultanti dalle intercettazioni- con Maurizio Lupi.
Ed erano preoccupati persino del fatto che risorse economiche destinate alle "Grandi opere" potessero essere dirottate sulle emergenze alluvioni ...........
In Brianza, non si corre questo rischio, visto che si agisce in senso opposto, stornando 60 milioni per la linea tramviaria da Milano a Limbiate su .... Expo naturalmente.

Insomma, in questo belpaese, grandi opere (comprese quelle di dubbia utilità o certa inutilità) = grandi "affari" e .... costi che lievitano.

Sotto, l'articolo de Il Manifesto sugli arresti e a seguire, articolo de il Fatto sui contenuti dell'inchiesta.


giovedì 19 marzo 2015

PEDEMONTANA: MOZIONE IN REGIONE LOMBARDIA SULLE COMPENSAZIONI AMBIENTALI


Da tempo lo andiamo dicendo, evidenziandolo anche nei momenti informativi e di confronto sul territorio tenuti dal coordinamento ambientalista Insieme in Rete.
Chi si ostina a volere l'autostrada Pedemontana, che continuiamo a ritenere infrastruttura inutile e dannosa per ambiente e territorio, sta trascurando la realizzazione delle COMPENSAZIONI AMBIENTALI.
Non c'è infatti traccia di esse nè sulla tratta A, già aperta alla percorrenza nè sulla tratta B1, dove i lavori sono in una fase avanzata.
Stiamo parlando delle COMPENSAZIONI AMBIENTALI, già previste anche dalle prescrizioni del CIPE (la n° 9 in particolare), di cui il coordinamento ambientalista Insieme in Rete ha l'intera carrellata progettuale.
Non si può far finta di nulla e ferma restando la nostra contrarietà e il giudizio negativo, laddove l'autostrada è nei fatti (purtroppo) esistente, va chiesto che, come parziale "riduzione del danno" SIANO REALIZZATE LE PREVISTE COMPENSAZIONI AMBIENTALI.
Non solo. 
Va evitato che attorno al tracciato autostradale sia un fiorire di edificazioni selvaggie e capannoni.
Per questo, già il 1-10-013, un gruppo di Associazioni  e gruppi facenti parte del coordinamento ambientalista, aveva presentato un'osservazione comune nell'ambito della revisione del Piano Territoriale Regionale (PTR) per un PIANO D'AREA che impedisca l'inedificabilità ai lati delle tratte autostradali già realizzate.

Non si può pensare che alla devastazione del Bosco della Moronera, del Bosco del Battù e al consumo di aree verdi si sommi altro disastro con orrendo cemento ai lati dell'autostrada, così come è già ad esempio la Milano-Venezia.

Il gruppo dell'M5S in Regione Lombardia, con il Cons. Corbetta, ha raccolto questo allarme e ha presentato in Consiglio Regionale una mozione che alleghiamo sotto.
Vi terremo evidentemente aggiornati sull'iter della mozione.

Intanto, la tratta A, aperta al traffico, si sta dimostrando l'ennesimo FLOP, con un numero di veicoli in transito bassissimo (circa 18.000) invece dei 60.000 giornalieri previsti.
Questo nonostante non vi sia pedaggio per gli utenti (quota presa in carico da Regione Lombardia).
Quando verrà applicata la tariffazione (circa 3 euro per percorrere 15 km !) quali saranno i numeri delle percorrenze ? Dovremo attenderci un ulteriore finanziamento pubblico al gestore per coprire i mancati introiti ?
Insomma, Pedemontana come la Brebemi.

L'articolo sulla denuncia di Legambiente Lombardia:



sabato 7 marzo 2015

LA VICENDA BEA e CEM TORNERA' IN CONSIGLIO COMUNALE ?

Articolo de Il Cittadino del 7-03-015

Dopo alcuni mesi, ritorna sulle pagine della stampa la questione della fusione BEA-CEM.
Le notizie riportano le intenzioni della Provincia di MB di creare un ATO (Ambito Territoriale Ottimale) che si occupi dei rifiuti e che, giocoforza, coinvolga anche GELSIA.
Come si è arrivati a questo punto ?
Facciamo un po' di informazione sull'argomento.
In questi mesi alcuni accadimenti hanno pesantemente influito sull'iter di quella che voleva essere il progetto di fusione tra BEA e CEM.
Innanzi tutto una "clamorosa svista" dettata dalla fretta di attuare uno scambio reciproco di azioni tra le due società, facendolo ratificare dalle due assemblee dei soci di CEM e BEA che si sono tenute il 18-12-2014.
Però... però..... lo scambio di azioni è saltato visto e considerato che si violava l’articolo 2360 del codice civile che vieta la sottoscrizione reciproca di azioni:

"E’ vietato alle società di costituire o di aumentare il capitale mediante sottoscrizione reciproca di azioni, anche per tramite di società fiduciaria o per interposta persona."

Quindi, in una confusione totale, il 18-12-014 l'assemblea dei soci di CEM modificava l'ODG togliendo il passaggio relativo allo scambio di azioni mentre in quella di BEA veniva approvato l'OdG comprensivo dell'illecito scambio azionario.
Eppure alcuni Comuni soci di BEA (Seveso, Bovisio Masciago, Desio e Lentate S/S) avevano chiesto il rinvio dell'assemblea per approfondire. 
Nella votazione sul punto dello scambio azionario, nel verbale, è registrata la contrarietà dei Comuni di Bovisio M, Seveso, Desio, la non partecipazione al voto di Varedo oltrechè l'assenza di Lentate.

Anche in alcuni Consigli Comunali (laddove svolti prima del 18-12-014) s'era rimarcata l'insufficienza del livello informativo e di confronto.
A Meda, nel CC del 27-11-014, Sinistra e Ambiente aveva proprio evidenziato la necessità di un approfondimento in Commissione Territorio e Ambiente e la inappropriata fretta con cui si voleva trattare l'argomento, in stile "last minute".
Un approfondimento da fare anche sugli aspetti del Piano Industriale che NON CONTEMPLA accantonamenti per la dismissione del forno inceneritore. Come da previsione, siamo rimasti inascoltati.

La vicenda si complica ulteriormente con la Sentenza del TAR n. 00287/2015 del 23/01/015, inviata perarltro anche alla Corte dei Conti e alla Procura della Repubblica di Milano per eventuali loro competenze.
In essa, il TAR della Lombardia ha accolto il ricorso avanzato da Gelsia Ambiente Srl contro il Comune di Limbiate, annullando tutti gli atti mediante i quali l’Amministrazione limbiatese intendeva affidare direttamente a Bea i servizi di igiene ambientale a partire dal dal 1° gennaio 2015.
Oltre alle motivazioni con cui il TAR ha annullato la Delibera di Giunta e di Consiglio di Limbiate, quella del TAR risulta essere una sentenza oltremodo pesante per BEA perchè vi si scrive che per come risulta configurata la società, (mista con capitale al 90% pubblico ma con presenza al 10% di COMEF srl, un privato gestore del rifacimento turbina) questa non è conforme alla assegnazione secondo il modello del Partenariato Pubblico Privato Istituzionalizzato (PPPI) in quanto il partner privato non è "un soggetto selezionato per svolgere operativamente il servizio integrato di gestione dei rifiuti".
A causa della presenza in Bea Gestione di un socio privato, non si può configurare nemmeno l’ipotesi dell’affidamento diretto a società interamente pubblica, e anche questo il TAR lo dice molto chiaramente:
Oltretutto, la presenza in BEA del socio privato, non consente nemmeno l’ipotesi dell’affidamento diretto a società che deve essere interamente pubblica.
BEA, per tentare di aggiudicarsi il servizio di raccolta, trattamento e smaltimento dei rifiuti ha dunque una sola strada, quella di partecipare all'apposito bando di gara che deve essere indetto dai Comuni.
Una strada che non piace molto a BEA che preferisce evidentemente il modello d'affidamento PPPI e quello diretto.


Intanto dopo che BEA ha scelto di diventare una società mista, anche GELSIA, dopo il fallimento della fusione con ACSM-AGAM è alla ricerca di un patner privato. 
Qui, il rischio è che GELSIA cerchi di nuovo (come per la vicenda del tentativo di fusione con ACSM-AGAM) un socio con un impianto di incenerimento di cui essa è priva.

Insomma, una vicenda complicata, da esaminare in tutte le sue criticità con un adeguato confronto in tutte le assise.
Una partita dove è in atto anche uno scontro di livello politico cui partecipano attivamente i Cda di Bea e Gelsia.
Una partita dove oltre alla creazione di un soggetto pubblico che gestisca i rifiuti, deve essere contemplato e non ignorato l'obiettivo dello spegnimento del forno inceneritore di Desio e dell'implementazione di nuove tecnologie per il recupero dei rifiuti. 
Su quest'aspetto, come ambientalisti, la nostra attenzione sarà sempre alta.

Alcune amministrazioni hanno messo in calendario un Consiglio Comunale per annullare le parti dispositive della delibera di Consiglio riguardante lo scambio di azioni (vedi sotto).

L'OdG del Cons. Comunale di Brugherio del 6 e 9 marzo 015

Se l'argomento dovesse essere oggetto di Consiglio Comunale a Meda, verificheremo se cambierà o meno il metodo che finora è stato eclusivamente VERTICISTICO e senza alcuna volontà di approfondimento e dialogo.
Con risultati, a dire il vero, non certo entusiasmanti, anzi, decisamente pasticciati e sicuramente frutto di un'eccessiva fiducia malriposta rispetto agli organi di governo di BEA.

Per Meda, in un futuro non lontano, si dovrà altresì decidere, possibilmente senza soluzioni pasticciate, in merito alla scadenza al 1 maggio del 2016 del contratto con Econord, azienda che si occupa della raccolta rifiuti con conferimento all'impianto di smaltimento di Desio.
Insomma siamo di fronte all’ennesima – questa volta davvero grave – prova di dilettantismo e dabbenaggine dei vertici di Bea e di tutto il cocuzzaro di sindaci brianzoli che ha continuato a fidarsi ciecamente di chi governa questa società pubblica. -