Benvenuti !

BENVENUTI nel blog di SINISTRA e AMBIENTE.
Con questo blog, vogliamo aggiornare tutti sull'attività,
le proposte, le idee del gruppo.

Per la nostra storia e le passate iniziative,
puoi vedere anche sul nostro vecchio sito web.
Per chi volesse contattarci o inviarci materiale da pubblicare, cliccare QUI

La Meda e la Brianza che amiamo e che vogliamo tutelare

-------------------------------------------------

CRONACHE DA CHI SI IMPEGNA A CAMBIARE IL PAESE DEI CACHI E DEI PIDUISTI.
"Alcuni piagnucolano pietosamente, altri bestemmiano oscenamente,
ma nessuno o pochi si domandano: se avessi fatto anch’io il mio dovere,
se avessi cercato di far valere la mia volontà, sarebbe successo ciò che è successo?"
Antonio Gramsci-politico e filosofo (1891-1937)
OMAGGIO ALLA RESISTENZA.
Ciao Dario, Maestro, indimenticabile uomo, innovativo, mai banale e sempre in prima fila sulle questioni sociali e politiche.
Ora sei di nuovo con Franca e per sempre nei nostri cuori.

"In tutta la mia vita non ho mai scritto niente per divertire e basta.
Ho sempre cercato di mettere dentro i miei testi quella crepa capace di mandare in crisi le certezze, di mettere in forse le opinioni, di suscitare indignazione, di aprire un po' le teste.
Tutto il resto, la bellezza per la bellezza, non mi interessa."

(da Il mondo secondo Fo)

martedì 29 marzo 2016

DOPO UNA PRIMA PIENA, LE OPERE DEL PROGETTO DELL'OTTOBRE 015 SONO GIA' DANNEGGIATE015


Del progetto e dei lavori di manutenzione sul reticolo idrico minore e sul Tarò a Meda ce ne siamo occupati sia nella fase di presentazione del progetto ad ottobre 015 (vedi post:A PROPOSITO DEI LAVORI DI MANUTENZIONE SUL TARO' ) sia a lavori terminati quando, il 24/12/015, una "pattuglia" di Sinistra e Ambiente s'era recata a verificare quanto era stato fatto in Val de Mez, al confine tra Meda e Cabiate e aveva redatto un dettagliato rapporto (post:SINISTRA E AMBIENTE SUI LAVORI RELATIVI ALLE CRITICITA' IDROGEOLOGICHE ).
Un rapporto che era stato consegnato anche all'assessore alla Protezione Civile, Massimo Nava.
A inizio marzo 2016 ...... è arrivata la prima piena conseguente ad alcuni giorni di pioggia.
Siamo tornati in loco per verificare sia l'integrità delle opere idrauliche e di contenimento frana lì posizionate sia la loro funzionalità e ............. purtroppo i nostri timori e le nostre perplessità hanno trovato conferma.
I lavori e il progetto fatti in fretta e furia stanno cominciando a mostrare la loro inadeguatezza ed è già bastata una PRIMA piena in Val de Mez a danneggiare e a compromettere la funzionalità delle strutture.



Da il Giorno del 3-4-016
QUANDO IL SINDACO DI MEDA PARLA A SPROPOSITO.
Come solito, arrogante, rabbiosa e piena di livore la reazione di Caimi al rapporto di Sinistra e Ambiente sugli interventi al reticolo idrico minore in Val de Mez (vedi articolo de "Il Cittadino" e di MBNews sotto).
Caimi non entra nemmeno nel merito dello stato di fatto dell'intervento anche perchè risulta difficile contestare le reali condizioni riscontrate in loco, ma con il suo solito stile, preferisce replicare con il nulla dell'insulto e della delegittimazione verso Sinistra e Ambiente.

Aggiungiamo una piccola nota a sua informazione: Sinistra e Ambiente si è avvalsa delle competenze di un tecnico, un GEOLOGO che ha pure nel passato progettato interventi proprio sul reticolo idrico della Brughiera e quegli interventi, contrariamente a quelli attuati dall'amministrazione medese, sono ancora integri e funzionali a distanza di anni. 

Il Cittadino del 2-4-016

Da MBNews

Meda, troppa fretta nei lavori alla rete idrica? (Reticolo idrico minore ndr) 
Il sindaco: era necessaria

Accesa polemica sui lavori di manutenzione al torrente Tarò e al reticolo idrico minore di Meda. A sollevare il vespaio è il gruppo Sinistra e Ambiente, che spiega di aver effettuato due sopralluoghi (dicembre 2015 e marzo 2016) al confine con Cabiate, nella cosiddetta “Val di Mez” dove sono stati realizzati gli interventi più importanti.
Già a dicembre (i lavori erano stati approvati dalla Giunta comunale ad ottobre e si erano conclusi a novembre, ndr) il gruppo ambientalista aveva inviato a Massimo Nava, assessore alla Protezione civile, un report dettagliato, evidenziando delle preoccupazioni per «un progetto fatto in fretta»: ora, dopo la prima piena di inizio marzo, la situazione non sembra essere migliorata. «Purtroppo i nostri timori e le nostre perplessità hanno trovato conferma – dicono i portavoce di Sinistra e Ambiente -. Una prima amara considerazione è che alcuni interventi effettuati nel torrente sono già, in parte, da rifare. In particolare parte della gigantesca palificazione, che non ha svolto il suo compito di trattenere la corrente, ma anzi ne è stata erosa alla base, ha impedito l’evoluzione del fenomeno franoso, che peraltro non determinava nessun rischio in quanto ambito non fruito». E non è tutto: l’erosione ha intaccato gli argini rifatti in sponda sinistra orografica, e le briglie distanziatrici sono state divelte. Un risultato paradossale, se si tiene conto che le altre briglie, meno ambiziose e più vecchie di una decina d’anni, svolgono ancora in modo dignitoso il proprio compito. «Eppure questo intervento è costato circa 54mila euro – precisano da Sinistra e Ambiente -. Come avevamo ipotizzato, i lavori, fatti di corsa sulla base di un progetto frettoloso redatto in cinque giorni, invece di mettere in sicurezza i luoghi nei quali si è intervenuti hanno, per certi versi, amplificato il dissesto idrogeologico della valle, trasportando materiale, prima in quiete, attraverso il tratto tombinato di via Como nell’alveo del Tarò, innescando un rialzo della quota della piena nella porzione nord di Meda. Parte delle palizzate realizzate sono collassate, il loro riempimento è stato svuotato dalla corrente che si è infiltrata al di sotto del livello di difesa spondale».
Tende a stemperare i toni la replica del sindaco, Giovanni Giuseppe Caimi«I lavori sono stati fatti velocemente perché era necessario – risponde il primo cittadino -. Siamo riusciti ad ottenere un finanziamento regionale per 150mila euro anche grazie alla documentazione fotografica, raccolta grazie alla Protezione civile, del tratto da Cabiate a Seveso. Abbiamo fatto in fretta? Vero. Ma siamo una pubblica amministrazione che fa le cose bene e spende i soldi in modo appropriato». Non a caso, spiega Caimi, la direzione dei lavori è stata affidata ad un ingegnere civile con esperienza internazionale: «E se qualcuno può dimostrare che il nostro tecnico non ha lavorato bene ce lo dimostri – continua -, anzi, li invito a farsi avanti». Però è vero che ci sono già verificate delle erosioni, o no? «Sì, in seguito alle forti piogge, ma ce lo aspettavamo – spiega Caimi -. In torrenti di questo tipo le erosioni ci saranno sempre: l’intervento era volto a mettere in sicurezza quanto era stato rovinato». Tanto più che la sistemazione dell’alveo dei fiumi non è di competenza del comune. «Proprio questa mattina (mercoledì 30 marzo, ndr) il nostro assessore Nava era a colloquio con l’ingegner Luigi Mille e il geologo Dario Fossati, di Aipo (Agenzia interregionale per il fiume Po, ndr), per discuterne – racconta -. Hanno un progetto e dei finanziamenti regionali, noi non abbiamo le competenze per agire». Presto, dunque, potrebbero esserci ulteriori novità in merito.

lunedì 21 marzo 2016

INSIEME IN RETE: BASTA FINANZIAMENTI ALLA PEDEMONTANA


Un incontro importante quello organizzato a Seveso il 18-3-016 da Insieme in Rete con Anna Donati di Green Italia e con Monica Frassoni Presidente dei Verdi europei.
L'impossibilità per Monica Frassoni d'essere presente  a causa di un lutto, non ha ostacolato l'argomentare con lei, a mezzo di mezzi telematici e in diretta.
Le comunicazioni della Frassoni e della Donati sulle pessime politiche italiane in tema di infrastrutture e grandi opere hanno portato a ragionare ad un livello più macro, utile a far capire le pesanti ricadute sui territori sia in termini di costi economici sia in termini di costi ambientali che le errate scelte trasportistiche causano.
Si sono così meglio comprese le disinvolte e miopi politiche d'investimento su infrastrutture poi rimaste incomplete per gli elevati e insopportabili costi.
Sono però le opere autostradali incomplete che servono a giustificare le continue richieste di nuovi fondi o di agevolazioni fiscali per i concessionari.
In questa categoria rientra ormai a pieno titolo l'inutile autostrada Pedemontana.
E sulla Pedemontana, chi ne vuole la realizzazione a tutti i costi (il Presidente di Regione Lombardia Maroni in primis), nella disperata ricerca di fondi,  insiste per chiudere l'iter della DEFISCALIZZAZIONE e per avviare la possibilità di accedere ai fondi europei del Piano JUNCKER.
Quella della Pedemontana è una situazione fallimentare conclamata, con i previsti fondi privati del "project financing" venuti totalmente a mancare e il maldestro tentativo di sopperire ad essi con "aiuti di Stato" e cercando di convincere l'Europa a finanziarla. Proprio per evitare anche questo, Monica Frassoni e Anna Donati in collaborazione con molti gruppi ambientalisti e con il coordinamento di Insieme in Rete hanno presentato alla Commissione Europea per la Concorrenza un dettagliato rapporto che alleghiamo.
Nella serata, Gemma Beretta, Gianni Del Pero e Alberto Colombo per INSIEME IN RETE hanno dettagliato il disastro ambientale causato da Pedemontana sul territorio, il rischio DIOSSINA sulla Tratta B2 e C, l'assenza delle compensazioni ambientali sul tracciato già in esercizio (A, B1 e tangenziali di Como e Varese) e hanno rinnovato la richiesta a fermare l'infrastruttura e a lavorare per un progetto di potenziamento della viabilità intercomunale e locale potenziando prioritariamente il trasporto su ferro.
Presenti all'incontro i sindaci di Seveso e Bovisio Masciago, l'assessore alle Politiche di Governo del Territorio di Desio, il Presidente del Consiglio Comunale di Cesano Maderno.

 
-------------------------------------------

Da MBNews

Insieme in Rete: “No agli aiuti di Stato per Pedemontana”

Insieme in Rete: "No agli aiuti di Stato per Pedemontana"«Pedemontana è un fenomeno italiano e in questo, purtroppo, poco anomalo»: Gemma Beretta, portavoce di Insieme in Rete, riassume così la situazione nell’incontro di venerdì 18 marzo a Seveso. La serata è stata un’occasione per presentare il documento presentato alla Commissione europea sui finanziamenti governativi alle opere autostradali, firmato, tra gli altri, da Anna Donati, di Green Italy, e da Monica Frassoni, presidente dei Verdi europei. La richiesta avanzata all’Europa è quella di indagare sugli aiuti di Stato ai titolari delle concessioni, e senza permettere che Pedemontana e altre autostrade ottengano ulteriori incentivi.
«Pedemontana è partita in termini sbagliati, è costruita a pezzi e passa a zig-zag nella pianura, devastando il territorio e isolando comuni – ha commentato il geologo Gianni Del Pero -. Come società ha mostrato di non saper gestire un’opera così, e, d’altra parte, non ha nemmeno i soldi per farlo: insiste nell’andare avanti, ma deve invece fermarsi e risarcire il danno». Difficile capire con quali soldi potrebbe farlo: Strabag sta licenziando gli operai che hanno lavorato alle prime tratte, e i proventi dei pur carissimi pedaggi non bastano a rientrare dalle spese. «Nel mondo delle fiabe, o per come ce la raccontano, le autostrade non costano mai nulla, perché riescono ad autofinanziarsi con il pedaggio – chiosa Donati -. Ma ovviamente non è mai così, interviene sempre lo Stato, con aiuti come il valore di subentro e le defiscalizzazioni, e il resto ce lo mette la concessionaria». Solo che gli aiuti statali sono già stati versati e Pedemontana è stata completata solo per un terzo, e mancano ancora 2 miliardi: l’ultima speranza per chi vuole l’autostrada è rientrare nel piano Juncker, cosa di cui il Pirellone sembra peraltro certo. Un’eventualità che Donati accoglie in modo molto scettico: «Nel piano Juncker dovrebbero rientrare cose concrete, a basso rischio e importanti per l’economia, come le energie rinnovabili e i treni per i pendolari – spiega -, e questo non è certo il caso di Pedemontana». «Stranamente da mesi il governo italiano non sta avanzando su questa tematica a Bruxelles – continua Frassoni, raggiunta via skype -. Può essere un buon segno, ma è anche vero che viste da qui ci sono questioni molto più pressanti, come il caso Ilva».
Di certo la situazione non può restare così com’è: se Paolo Butti, sindaco di Seveso, teme soprattutto lo stato attuale della “vetusta” Milano-Meda, che dovrebbe farsi carico del traffico di Pedemontana, Giuliano Soldà, il primo cittadino di Bovisio, lancia la proposta della riprogettazione: «Ripensare Pedemontana si può – ha affermato -. Sul territorio c’è bisogno di sostenibilità: siamo ancora in tempo per modificare il progetto».  Evitando situazioni come quella di Cassano Magnago, punto zero di Pedemontana e ormai tagliato fuori dalla normale viabilità, come riporta Barbara Meggetto, presidente di Legambiente Lombardia. E anche tenendo conto dei recenti dati di traffico, che mostrano come Pedemontana sia al momento molto poco usata e di come, in realtà, il tragitto quotidiano medio di chi usa la macchina per spostarsi nel tragitto casa-lavoro sia molto minore: tra i 10 e i 30 km.
«Diciamolo: Pedemontana è un fallimento, e i sindaci dovrebbero fare un passo in più in questa direzione – conclude Alberto Colombo di Insieme in Rete -. Faremo di tutto perché questi finanziamenti non arrivino mai».

mercoledì 9 marzo 2016

IL 18-3-016 INCONTRO PUBBLICO DI INSIEME IN RETE SULLA PEDEMONTANA


Il coordinamento ambientalista INSIEME IN RETE PER UNO SVILUPPO SOSTENIBILE (di cui Sinistra e Ambiente è parte attiva) ritorna a parlare dell'autostrada Pedemontana con un incontro pubblico a Seveso.
Un incontro che mette di nuovo a fuoco l'inutilità e il disastro di questa infrastruttura, anche alla luce delle ultime vicende relative alla mancanza di fondi e alla chiusura dei cantieri di Strabag nel raggruppamento d'imprese "Nuova Briantea" sulla tratta B1, ancora INCOMPLETA della viabilità di connessione.
Con MONICA FRASSONI Presidente dei VERDI del Parlamento Europeo e con ANNA DONATI di GREEN ITALIA parleremo anche dei maldestri tentativi di ottenere finanziamenti europei dal Piano Juncker e delle miopi politiche  (veri e propri AIUTI DI STATO) del governo in favore delle autostrade, defiscalizzazione compresa.
Lo diciamo da tempo, quest'autostrada che è stata uno spreco di risorse (sinora praticamente solo PUBBLICHE) deve fermarsi.
E' fuori dalla realtà continuare a pensare e a volere, come fanno alcuni politici e amministratori, il suo completamento visto gli inesistenti volumi di traffico sulle tratte già realizzate e considerato l'impatto ambientale pesantissimo per l'ambiente e il territorio.
Purtroppo una parte di disastro è già stato fatto e per questo sulla tratta A, B1 e le tangenziali di Como e Varese è necessario realizzare le previste COMPENSAZIONI AMBIENTALI di cui s'è persa traccia.
Anche il tavolo di verifica dello stato d'avanzamento realizzativo dei progetti di Compensazione Ambientale, istituito dalla Mozione Regionale n° 415 approvata dal Cons Regionale, non sta lavorando e un solo progetto quello di Cassano Magnago, fortemente ridimensionato, risulta in fase di esecutivo.
L'INGANNO della PEDEMONTANA va smascherato.

lunedì 7 marzo 2016

I PROFUGHI IN PROVINCIA DI MB E IL SISTEMA D'ACCOGLIENZA


A scuola di italiano a Seveso
Un rapporto completo quello che vi presentiamo (anche se non in anteprima visto che è uscito a novembre 015) che parla dei profughi presenti in Brianza e del sistema di accoglienza che si occupa di loro.
Un sistema diffuso sul territorio e basato sulle Associazioni del terzo settore unite in un RTI (Raggruppamento Temporaneo Imprese) denominato Bonvena (Accoglienza in esperanto) che si è da subito attivato per gestire questa emergenza, ormai divenuta fenomeno  intrinseco di un mondo dove crescono guerre, miserie e persecuzioni e si è aggiudicato il bando 2015 della Prefettura di MB per gestire l'accoglienza profughi.
Il bando è stato riproposto dalla Prefettura anche per il 2016 con un incremento numerico rispetto alle quote di persone destinate alla Provincia di MB.
Al novembre 015 le accoglienze sono state di 907 profughi di cui 660 gestiti direttamente da Bonvena, 152 dalla Croce Rossa Italiana e il resto da altri.
Il rapporto è molto dettagliato e fa chiarezza.
Fa chiarezza rispetto a chi fa costante opera di mistificazioni alimentando odio e razzismo solo per garantirsi visibilità.
Fa comprendere bene anche i livelli di protezione accordata ai profughi cioè Protezione Internazionale, Sussidiaria, Umanitaria a secondo della situazione in cui si trova la persona perchè il diritto di ricevere protezione non è solo per chi fugge dalle numerose guerre ma anche per chi subisce persecuzioni di varia natura.
Per sapere la reale situazione, leggetelo con pazienza ed attenzione.

sabato 5 marzo 2016

L'ANAC DICE LA SUA SUL BANDO BEA PER IL TURBOGENERATORE


Ne avevamo già scritto qui e qui in alcuni post. 
La documentazione del bando di BEA (Meda è socia con il 7,34%) per il rifacimento del turbogeneratore del forno inceneritore di Desio, vinto dall'unica azienda partecipante, la COMEF, mostrava molte incongruenze, inesattezze, anomalie e stranezze. 
Dopo le segnalazioni effettuate dalla revisore dei conti nominata dal Comune di Desio nel Collegio Sindacale di Bea, la Dr.ssa Giovanna Ceribelli (la stessa che ha dato il via all'inchiesta "Smile" sulla malasanità lombarda) e l'esposto del Consigliere Regionale Gianmarco Corbetta e dell'M5S all'Autorità Nazionale Anti Corruzione, in data 2-3-016 l'ANAC stessa si è pronunciata con un documento dai contenuti pesanti per BEA, dicendo in buona sostanza che:

Sarebbe stato dunque necessario in ipotesi di gara deserta o di assenza di offerte appropriate, rivolgersi nuovamente al mercato, aprendo un nuovo confronto competitivo. Circostanza, peraltro, che nel caso di specie sarebbe stata quantomai opportuna, in considerazione del fatto che le numerose criticità rilevate nella gara in oggetto inducono a concludere che l’offerta di Comef s.r.l. non potesse ritenersi ‘appropriata."

Aldilà delle valutazioni e delle richieste politiche di Corbetta, riteniamo utile per l'informazione segnalarvi i dettagli presenti in:  
e quanto riportato dalla stampa.

-----------------------------------------------

Da il Cittadino on line del 4-3-016


Inceneritore di Desio, l’Anticorruzione contro Bea:


«La gara per la turbina va rifatta»


L’Autorità nazionale anticorruzione risponde all’esposto del Movimento 5 Stelle sulla gara per la turbina dell’inceneritore di Desio e indica la strada a Bea: rifare tutto. M5S chiede dimissioni a raffica, incluse quelle di Gigi Ponti.
«La gara è stata aggiudicata per un importo superiore rispetto a quello indicato nel bando». E poi: «La stazione appaltante ha aggiudicato per un importo superiore a quello messo a gara per ottenere una prestazione tecnicamente inferiore a quella potenzialmente richiesta». E ancora: «Clausole discordanti nella documentazione di gara». Sono questi, racconta il Movimento Cinque stelle, i rilievi fatti dall’Autorità nazionale anticorruzione dopo l’esposto presentato sulla gara per la turbina dell’inceneritore di Desio. Il che, per M5S Lombardia, significa una sola cosa: «Il Presidente della Provincia Gigi Ponti vada a casa, se ha un minimo di decenza».

È un attacco frontale quello del movimento nei confronti delle scelte della società Bea nella doppia gara da 7,5 milioni di euro. Decisioni che per Gianmarco Corbetta, consigliere M5S regionale, si traducono nella «responsabilità politica del Pd brianzolo», «devastante: hanno portato sul baratro una società pubblica e i suoi lavoratori, piazzando politici mal riciclati nei Consigli di amministrazione, difendendo ad oltranza manager incapaci anche quando bastava leggere le carte per rendersi conto di quanto succedeva, perseguendo una politica industriale fallimentare, senza capire che il mondo in cui i rifiuti si dovevano bruciate è finito».
«Sarebbe stato dunque necessario in ipotesi di gara deserta o di assenza di offerte appropriante - si legge nelle carte dell’Anac di Raffaele Cantone - rivolgersi nuovamente al mercato, aprendo un nuovo confronto competitivo. Circostanza, peraltro, che nel caso di specie sarebbe stata quantomai opportuna, in considerazione del fatto che le numerose criticità rilevate nella gara in oggetto inducono a concludere che l’offerta di Comef s.r.l. non potesse ritenersi “appropriata”». Bea S.p.A. ha venti giorni di tempo per «manifestare la volontà di conformarsi alle indicazioni dell’Autorità».
Per Corbetta «Anac ha letteralmente demolito le tesi difensive di Bea, confermando le gravi inadempienze e criticità segnalate dal Movimento 5 Stelle e ravvisando la necessità che a tutela dell’interesse pubblico la gara sia annullata. Abbiamo fatto un enorme lavoro di studio e analisi, durato mesi, su tutta la documentazione del bando: troppe le anomalie, troppe le stranezze... e ora l’Anac non solo conferma i nostri dubbi ma va oltre nell’indagine».
E ancora: «In attesa che la Procura della Repubblica si pronunci sulle responsabilità penali, do per scontate le dimissioni dei Consigli di amministrazione di Bea e Bea Gestioni e del direttore generale di Bea», colpe che per M5S sono da ricondurre anche all’attuale presidente Mazzucconi, perché ha lavorato in « perfetta continuità tra l’operato delll’ex presidente Boselli». Responsabilità da estendere su su fino a Gigi Ponti, presidente della Provincia, «l’ente azionista di maggioranza relativa in Bea».
Daniela Mazzuconi, presidente di Bea, si difende: «All’Anac presenteremo le controdeduzioni. Annullare la gara sarebbe troppo oneroso. Io non rispondo di atti presi prima del mio arrivo.

-------------------------------------

Da MBNews del 4-3-016

Desio Inceneritore:

l’Anticorruzione risponde: “Gara turbina da rifare”

Di Simona Sala 
Ventuno pagine di risposta, dettagliate e ben articolate. Mercoledì 2 marzo è arrivato il responso che il Movimento 5 Stelle tanto aspettava dall’Autorità Nazionale Anticorruzione (Anac), in seguito alla presentazione dell’esposto di dicembre riguardo la gara (a doppio oggetto) dal valore di 7,5 milioni di euro, indetta da Bea per la sostituzione della turbina dell’inceneritore di Desio.
Anac ci ha dato ragione sotto tutti i fronti, anzi ha fatto valutazioni ancora più approfondite. È una grande soddisfazione per noi”– esordisce il consigliere regionale Gianmarco Corbetta alla conferenza di oggi 3 marzo, convocata appunto per illustrare gli ultimi sviluppi dell”Operazione verità”.
Nel documento l’Anac riassume tutte le criticità riscontrate e le divide in tre tipologie: violazioni della concorrenza, violazioni del principio di economicità e violazioni del procedimento di gara. Sono innumerevoli i rilievi emersi dall’istruttoria si legge: “la gara è stata aggiudicata per un importo superiore rispetto a quello indicato nel bando”, non solo , “la stazione appaltante ha aggiudicato per un importo superiore a quello messo a gara per ottenere una prestazione tecnicamente inferiore a quella potenzialmente richiesta”, e anche, “clausole discordanti nella documentazione di gara”. Tutti punti rimarcati e sottolineati in sede di conferenza dall’avvocato Ilaria Battistini, che ha curato l’esposto.
Corbetta aggiunge “Anac ha letteralmente demolito le tesi difensive di Bea, confermando le gravi inadempienze e criticità segnalate dal Movimento 5 Stelle e ravvisando la necessità che a tutela dell’interesse pubblico la gara sia annullata. Abbiamo fatto un enorme lavoro di studio e analisi, durato mesi, su tutta la documentazione del bando:  troppe le anomalie, troppe le stranezze… e ora l’Anac conferma che i nostri dubbi sono leciti.”
E ancora: “In attesa che la Procura della Repubblica si pronunci sulle responsabilità penali dell’esposto fatto dal collegio sindacale, do per scontate le dimissioni dei Consigli di amministrazione di Bea e Bea Gestioni e del direttore generale di Bea”.
I 5 Stelle non si fermano all’attacco dei vertici di Bea, attribuiscono le responsabilità anche al mondo politico locale, in particolare chiedono a gran voce le dimissioni del presidente della Provincia. “Questo è un fallimento politico del partito democratico brianzolo, che da anni continua ad insistere con l’idea incenerire i rifiuti e di andare avanti ancora 15 anni potenziando il forno, senza capire che il mondo in cui i rifiuti si dovevano bruciate è finito. Di fronte alle macerie della gara a doppio oggetto e del piano industriale che la prevede, Gigi Ponti abbia la decenza e il pudore di dimettersi da presidente della Provincia, l’ente azionista di maggioranza relativa in Bea”, conclude il consigliere regionale pentastellato.
E adesso? Bea ha 20 giorni di tempo per conformarsi alle indicazioni dell’Autorità, che tradotto significa annullare la gara per ripresentarsi con una nuova, oppure può presentare controindicazione. Al momento non sono ancora giunte repliche da parte sia da parte della società Bea sia da parte della Provincia di Monza e Brianza e del Partito Democratico.